GS Le Panche Castelquarto

Associazione Sportiva Dilettantistica

 Fine settimana tra storia e tradizione...

Questo fine settimana i panchisti hanno spaziato tra vari tipi di gare, tradizionali e non. Vediamo un po' che cosa è successo.



Partiamo da fuori regione, più esattamente dalla terza edizione della "Maratona Maga Circe Sabaudia" in provincia di Latina. Si tratta di tre percorsi, una maratona, una gara di 28 km ed una di 13 con partenza da S.Felice Circeo ed arrivo a Sabaudia. Secondo la tradizione, la maga Circe mutò gli uomini in porci; invece i nostri sono stati tramutati in ghepardi visti i risultati. Nella Maratona Maurizio Mannini ha ottenuto uno splendido 4° posto di categoria, mentre le bravissime  ragazze Isabella Manetti e Sonia Semplici hanno tinto di giallo e blu il podio delle veterane classificandosi 2a e 3a. il percorso di 13 km è stato totalmente ignorato dai nostri eroi, forse perchè troppo breve.

Altra corsa a tema storico è stata la 18a edizione della "Su e giù per la Torre di Gnicche", 12 km di collinare misto sterrato ed asfalto con partenza dal Parco di Villa Severi (Arezzo). Chi era Gnicche? Trattasi di un personaggio realmente esistito, un brigante la cui morte in una sparatoria ne fece una specie di Robin Hood nostrano. La Torre di Gnicche è una torre isolata di cui non sappiamo la destinazione che fu il rifugio di Gnicche. Chi c'era a correre qui? La risposta è facile: la coppia dai percorsi impossibili che non si muove se non c'è almeno un po' di fango e qualche dirupo: Paola Alvisi e Beppe Vendramin.

Tornando invece sulle corse più tradizionali ecco la 36a edizione della "Maratonina città di Vinci" , 14,9  km di corsa su strada nei territori leonardiani. L'unico panchista partecipante è stato Giulio Rossi che ha ottenuto un buon 23° posto di categoria.

Altra gara importante del territorio fiorentino, giunta quest'anno alla 36a edizione è il "Trofeo Oltrarno", 14,7 km (non un cm meno !) di collinare su asfalto.  Che dire? Le condizioni atmosferiche hanno reso questa gara ancora più bella dal punto di vista paesaggistico, ma non hanno attenuato per niente la durezza del percorso, a partire dalla salita iniziale fino a S.Margherita a Montici per arrivare all'ultimo Km di pianura dopo il discesone finale dove i pensieri vagano da "non vado neanche a spingere" a "questa è l'ultima volta che vengo". Tanto poi l'anno dopo ci siamo di nuovo, lo dico per esperienza personale.
Molti i partecipanti, quasi 500 tra competitivi e non; tra questi un bel gruppetto di panchisti le cui imprese sono debitamente citate nella classifica. Menzione d'onore per Bernardo Nicese e Gianmattia Comparini, arrivati rispettivamente 5° ed 8°, sotto l'ora e per un'altra delle nostre "mamme volanti" Eleonora Vendramin,  prima panchista donna arrivata 20a di categoria. Non dimentichiamo i nostri primi "diversamente giovani" Roberto Renzini per i veterani e Lorenzo Tomei per gli argento. Tempi e posizioni, come detto, sono nella classifiche; a questi si devono aggiungere i non competitivi, Alessio Ariani, Pino Azzaro, Valerie Mathevon, Alvaro Fruttuosi  ed ovviamente Danilo Capanni/Vincenco Ganci senza i quali non si parte neanche.

Per finire complimenti a Lourde Quinonez che ha vinto i 200 metri al meeting indoor di Carrara.

Saltando qua e là non dovrei aver dimenticato niente e nessuno, per lo meno lo spero. Alla prossima !





 vai a Notizie

Cerca



Calendario

Febbraio 2024
Lu
Ma
Me
Gi
Ve
Sa
Do